“Il principe abusivo a teatro” è in arrivo al Teatro Sistina

image_pdfimage_print

Il  2 marzo arriva al Sistina di Roma “Il principe abusivo a teatro”, lo spettacolo con Alessandro Siani e Christian De Sica. Il principe abusivo a teatro” è l’adattamento teatrale dell’omonimo film, che ha segnato il debutto da regista dell’attore Alessandro Siani, con tantissime novità e soprese e una sola grande sicurezza: il ritorno di Christian De Sica, nell’amatissimo ruolo del ciambellano di corte.

Lo spettacolo, “Il principe abusivo a teatro”,  scritto e diretto da Alessandro Siani, che interpreta il ruolo del “povero” Antonio De Biase, vede sulla scena oltre a Christian de Sica, anche Elena Cucci nel ruolo della principessa, Luis Molteni in quello del Re, Stefania De Francesco nei panni della verace cugina di Antonio, Jessica Quagliarulo e ancora Ciro Salatino nel ruolo del principino Gherez, e Antonio Fiorillo e Raffaele Musella, nei ruoli rispettivamente di Sasone e Lelluccio, gli inseparabili amici di Antonio.

Le musiche sono affidate al maestro Umberto Scipione, scenografia Roberto Crea, coreografie Marcello Sacchetta, costumi Eleonora Rella. Collaborazione ai testi musicali di Vincenzo Incenzo.

DOVE, COME E A QUANTO

Teatro Sistina, Roma
dal 2 marzo Martedì-Sabato ore 21,00 – Domenica ore 17,00 Mercoledì 9 marzo ore 17,00
Biglietti a partire da 34 euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Releated

2 profumi per … giugno

Niente lo emozionava come il profumo del tiglio in fiore, come quel torpore soave che risaliva alle narici dalle lontane, perdute ore dell’infanzia. Franco Marcoaldi, da La trappola, Einaudi, 2012 Come non essere d’accordo con l’affermazione che giugno è il mese del re tiglio? Quel profumo dolce e soave ci fa immediatamente pensare alla primavera […]

2 profumi per maggio

“Ben venga Maggio e il gonfalone amico, ben venga primavera Il nuovo amore getti via l’antico nell’ombra della sera Ben venga Maggio, ben venga la rosa, che dei poeti è il fiore Mentre la canto con la mia chitarra, brindo a Cenne e a Folgore” Così scrive Francesco Guccini nella Canzone dei Dodici Mesi.  Quando […]