La Banda Osiris alle prese con “le dolenti note”

image_pdfimage_print

La  Banda Osiris sbarca in Lombardia con “Le dolenti note”, un ritratto irriverente della vita e del mestiere musicista tanto che il sottotitolo dello spettacolo è “il mestiere del musicista: se lo conosci lo eviti”. Lo show sarà  giovedì 4 febbraio al Teatro Toscanini di Segrate  e venerdì 5 febbraio al Teatro Condominio di Gallarate.

Il segreto della Banda Osiris, da anni protagonista della scena e italiana risiede  nella verve comica abbinata alla indubbio talento musicale. Gli strumenti non sono soltanto “oggetti” che emettono suoni, né i musicisti sono dei semplici esecutori. Tutto diventa tutto, in un crescendo di risate, capaci di andare oltre i rigidi accademismi e le barriere dei generi musicali. Dalla classica alla leggera, dal jazz al rock, prendendo altresì in giro il mestiere stesso del musicista. I quattro protagonisti della Banda Osiris (Sandro Berti mandolino, chitarra, violino, trombone. Gianluigi Carlone voce, sax, flauto. Roberto Carlone trombone, basso, tastiere. Giancarlo Macrì percussioni, drums, bassotuba.) si divertono a elargire provocatori consigli: dal perché è meglio non diventare musicisti, a come dissuadere i bambini ad avvicinarsi alla musica. E ancora: quali sono gli strumenti musicali da non suonare e… come eliminare i musicisti più insopportabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Releated

2 profumi per … giugno

Niente lo emozionava come il profumo del tiglio in fiore, come quel torpore soave che risaliva alle narici dalle lontane, perdute ore dell’infanzia. Franco Marcoaldi, da La trappola, Einaudi, 2012 Come non essere d’accordo con l’affermazione che giugno è il mese del re tiglio? Quel profumo dolce e soave ci fa immediatamente pensare alla primavera […]

2 profumi per maggio

“Ben venga Maggio e il gonfalone amico, ben venga primavera Il nuovo amore getti via l’antico nell’ombra della sera Ben venga Maggio, ben venga la rosa, che dei poeti è il fiore Mentre la canto con la mia chitarra, brindo a Cenne e a Folgore” Così scrive Francesco Guccini nella Canzone dei Dodici Mesi.  Quando […]