Cinque week end per Carnevale

image_pdfimage_print

Con oggi, sabato 31 gennaio, si apre ufficialmente il Carnevale 2015 che andrà avanti fino al martedì grasso, il prossimo 17 febbraio, o due giorni in più per i milanese che festeggiano il Carnevale Ambrosiano.  Un’occasione unica per programmare fine settimana alla scoperta dei più interessanti angoli di Italia che, tra maschere e feste goliardiche non fanno (eccessivamente) rimpiangere di non essere a Rio de Janeiro  a ballare la samba nel velodromo.

Ecco quindi alcune idee da non lasciarsi sfuggire per un break a costi più o meno contenuti nel Bel Paese, dal Nord al Sud le prossime due settimane saranno un condensato di eventi, feste e manifestazioni che attraverseranno l’intero Paese. Il consiglio è sempre quello di attrezzarsi per tempo con i treni e cercare sistemazioni per la notte al di fuori dei centri cittadini interessati dalle manifestazioni che potrebbero registrare delle vere e proprie impennate nei prezzi di hotel, ostelli e bed&breakfast per i fine settimana di Carnevale. Armandosi di un po’ di pazienza, le occasioni si trovano. Basta non arrendersi e cercare anche fuori dalle rotte più tradizionali.

Carnevale venezia

1-Venezia. Quando si pensa al Carnevale italiano non si può non immaginare le maschere che si affollano tra i calli  e i canali veneziani in direzione di Piazza San Marco per tutto il periodo del Carnevale di Venezia. Giorni feriali compresi. Certo le feste nei palazzi che si affacciano sul Canal Grande non sono alla portata di tutti i portafogli. ma per divertirsi può bastare molto meno. Quest’anno per la prima volta nella storia, l’accesso a Piazza San Marco è regolato e a pagamento sia per gli eventi della mattinata che per quelli del pomeriggio. Per il parterre biglietti da 10 euro, prezzi più elevati nei giorni festivi e per alcune particolari manifestazioni, caffè compreso. Il ché se si pensa a quanto possa costare normalmente prendere un caffè nel mitico Caffè Florian di Piazza San Marco non dovrebbe neppure stupire. Prezzi più elevati per i palchi laterali.  Se si decide di partecipare alla gara per la Maschera più bella che si tiene due volte al giorno in Piazza San Marco, non occorre pagare alcun biglietto (ma bisogna iscriversi per tempo).
Venezia vale sempre almeno un fine settimana, meglio ancora qualche giorno in più. Se tuttavia si è indecisi sulla tempistica, potrebbe essere una buona idea quella di programmarsi un giro nella città lagunare ma per il week end del 7 e 8 febbraio. Si inizia infatti il sabato con l’inaugurazione del Gran Teatro di Piazza San Marco e il Concorso della Maschera più bella (dalle 11.00), si prosegue con la Festa della Marie (il corteo parte da San Pietro di Castello verso le 14.30 e arriva al Gran Teatro di San Marco alle 16.00) e si finisce domenica con  il Volo dell’Angelo (h 12 in piazza San Marco), l’antico omaggio acrobatico al Doge si prende vita nell’emozionante di un “angelo” al femminile che parte dal Campanile di San Marco e termina al centro della Piazza.
Per chi può concedersi anche qualcosa di più a San Valentino si terrà invece il Ballo del Doge che quest’anno avrà come tema “Cupid in Wonderland”. L’appuntamento è alle 20 in  a Palazzo Pisani Moretta. Una notte da sogno per cui Boscolo ha persino studiato un box specifico, ovviamente a 5 stelle (Boscolo Gift,  due notti in hotel 5 stelle, noleggio di un costume e l’ingresso a Palazzo).

2-Putignano – E’ di Bari il  Carnevale più antico d’Europa (compie 621 anni) e il più lungo del mondo (è iniziato con il rito delle propaggini, che prende origini addirittura dalle tradizioni trecentesche, il 26 dicembre 2014, e andrà va avanti fino al Martedì Grasso, 17 febbraio). Nel Carnevale di Putignano i protagonisti sono  i carri allegorici con figure della politica e della cronaca ispirate quest’anno al tema  i Sette Vizi Capitali.
Il calendario è ricco di eventi immaginati ad hoc per tutti, grandi e piccini. E così, gli spettacoli teatrali, l’angolo dei libri, le rassegne cinematografiche, i laboratori, le giornate di studio e gli appuntamenti gastronomici, assieme agli appuntamenti tipicamente carnascialeschi, condiscono la 621esima edizione della manifestazione pugliese. Ma non finisce qui. Anche la musica torna in piazza. E così il centro di Putignano, il 5 e il 12 febbraio, si trasformerà in una discoteca a cielo aperto.
Un’occasione da non perdere per scoprire un angolo di Italia dove le tradizioni del carnevale non sono da meno rispetto a quelle storico-museali ed enogastronomiche. senza poi considerare il mare, un vero polo di attrazione nonostante sia ancora inverno.

Carnevale Viareggio

3-Viareggio.  “I Corsi Mascherati” del Carnevale di Viareggio prendono il via domenica 1 febbraio alle 15.00 con tre colpi di cannone, per sfilare anche domenica 8, il 15, il 22 e , in ultimo sabato 28 febbraio (quest’ultimo appuntamento sarà in notturna, dalle 18.30). Per un mese, la città si trasforma nella fabbrica del divertimento tra le sfilate dei giganti di cartapesta animate, le feste, gli spettacoli pirotecnici, le rassegne teatrali e gli immancabili appuntamenti gastronomici. Un’ottima occasione per un fine settimana all’insegna dell’allegria e del buon vivere.Biglietti ordinari 18 euro (30 per tutti e 5 i Corsi).

 4-Ivrea. Il canavese è ancora un territorio tutto da scoprire e che potrebbe rivelarsi un delle destinazioni da non perdere nel prossimo futuro. Delle nuove Langhe caratterizzate dal paesaggio dolcemente collinare, dia castelli e dai manieri di un’epoca neppure troppo remota e soprattutto da una cultura enogastronomica tra le prime in Italia.
L’occasione potrebbe essere il Carnevale di Ivrea che tocca il suo clou nel fine settimana del 15, 16 e 17 febbraio. In questi giorni infatti ha luogo la tradizionale battaglia delle arance, incredibile patrimonio culturale e goliardico della tradizione del Carnevale italiano. Dalle 14.00. Biglietti (on line) da 9,22 euro.
Per chi cerca invece una serata davvero speciale l’occasione potrebbe essere quella del Gran Ballo in onore della vezzosa Mugnaia che si terrà il 14 febbraio al Teatro Giacosa.  I biglietti per la serata di gala (Costo ingresso: € 35,00 Costo palco: € 70,00) sono in vendita da venerdì 30 gennaio presso il Contato del Canavese (piazza F. Nazionale 12) e la Galleria del Libro (Ivrea, via Palestro 70), ore 10-12.30 e 15.30-19. Il programma della serata, con inizio alle ore 22.30 (sarà possibile accedere in Teatro dalle ore 22), prevede: musica dal vivo e ballo con Max Tempia & Mikeflower band, un momento istituzionale con l’ingresso della Vezzosa Mugnaia, il generale ed i personaggi storici, il quadro (fotografia ufficiale con tutti i personaggi in posa), il ballo ufficiale sulle note della Canzone del Carnevale e infine un ricco buffet. Più che la maschera ad Ivrea sono di rigore  Berretto Frigio e l’abito scuro.

Carnevale Ivrea

5-Cento. Il Carnevale di Cento prenderà il via domani 1 febbraio con un ingresso gratuito per tutti. Sfilate in programma poi l’8, il 15 il 22 febbraio e il 1 marzo con un biglietto ordinario di 10 euro.  Mirko Casadei Beach Band che farà da colonna sonora di  tutte e cinque le domeniche di carnevale. In particolare poi la seconda domenica di carnevale, 8 febbraio, il Carnevale di Cento ospiterà una folta rappresentanza del Gruppo Leone di San Marco, dei Gruppi ANMI- Associazione Nazionale Marinai d’Italia e di altre Associazioni d’Arma, che in una suggestiva parata diventeranno testimonial di solidarietà e sostegno nei confronti dei Fucilieri Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Releated

Trentodoc, lo spumante metodo classico “figlio” delle Dolomiti

Capodanno si avvicina e per il count down le bollicine di alta quota del Trentodoc, il metodo classico italiano nato sulle Dolomiti, possono essere una valida alternativa alle blasonate bollicine francesi. Con poco più di un secolo di storia e a 26 anni dal riconoscimento della Denominazione di Origine Controllata, il Trentodoc è una delle […]

Aqua Dome, un’oasi di benessere in quota

Circondato dai ghiacciai tirolesi, l’Aqua Dome è un’oasi del benessere alpino grazie ai suoi 22mila metri quadrati votati al relax dove trascorrere una  vacanza andando alla scoperta di questo angolo di Austria, a meno di un’ora da Innsbruck e mezz’ora dalle piste di  Sölden dove ha sciato persino James Bond (a cui non a caso […]