Courmayeur, la rivoluzione parte dal “bass”

image_pdfimage_print

Il Monte Bianco senza barriere: le proposte invernali per le persone con disabilità, dal Festival dello Sport Integrato alle discese in Val Vény con gli ausili speciali, dalle ciaspolate in Val Ferret alla nuova pista da curling del Courmayeur Forum Sport Center.

Courmayeur, 29 ottobre 2014_Febbraio 2009, seggiovia Pendent, in Val Veny, a Courmayeur: un maestro di sci e sua figlia di 7 anni sperimentano per la prima volta il “Bass” (Borney Adapted Snowboard System), nello stupore generale. Uno strano attrezzo composto da una tavola, un’imbracatura e un manubrio. “Eravamo così impacciati!” racconta divertito, quasi sei anni dopo, il maestro, nonché inventore dell’attrezzo, Andrea Borney, presidente di Antenne Handicap VdA. “Mia figlia è perfino rimasta incastrata nel sedile della seggiovia. Ma grazie a quel test abbiamo potuto migliorare il nostro prototipo”. Il Bass, nato a Courmayeur, sta conquistando le stazioni sciistiche alpine. La sua particolarità? Permette alle persone con disabilità di vario genere, compresa la tetraparesi, di praticare lo snowboard in posizione eretta. “Il fatto di essere in piedi rappresenta un’emozione di particolare intensità, e costituisce il superamento di una “differenza” che altrimenti viene percepita in maniera marcata. Il piacere di una discesa sullo snowboard è un diritto universale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Releated

I profumi che hanno fatto la storia: Eau d’Hermès

di Claudia Marchini Nella puntata dedicata agli anni ’20 abbiamo parlato della ventata di energia, di ottimismo, della voglia di felicità e allegria che si percepiva dopo gli anni bui della guerra. E così furono gli anni’ 50: più che mai si sente la voglia di cambiamento, anche favorito dal benessere della ricostruzione. Con la […]

I profumi che hanno fatto la storia: il dopoguerra

di Claudia Marchini Nella scorsa puntata abbiamo parlato di Joy, la fragranza creata da Jean Patou nel 1929 come antidoto all’atmosfera di preoccupazione che si era creata a causa della crisi economica. La prima fragranza di cui parliamo oggi vide la luce nel 1946 per celebrare la fine della seconda guerra mondiale: si tratta di […]