Sabrina Ferilli in arrivo al Teatro Manzoni

image_pdfimage_print

Sabrina Ferilli porta in scena al Teatro Manzoni di Milano  “Signori…le paté de la maison !” spettacolo che al cinema, sotto le insegne de “Il nome del figlio” è stato uno dei successi più recenti della commedia italiana a sua volta tratto dalla francese “Le prenom” di Matthieu DeLaporte e Alexandre De La Patellière. Una commedia a tratti grottesca che garantisce risate sì, ma non senza spunti di riflessione sui tic e sui conformismi di una certa “intellighenzia”.

L’adattamento oltre che dalla stessa Sabrina Ferilli  e firmato da Carlo Buccirosso. Sul palco anche Maurizio Micheli, Pino Quartullo, Claudia Federica Petrella, Liliana Oricchio Vallasciani  e Massimiliano Giovanetti.

Il tutto ha inizio con una “innocente” cena di famiglia dove uno scherzo legato al  nome  da scegliere per il nascituro,  porta a scoperchiare  realtà inaspettate e  imbarazzanti. Tanto che, anche la più gustosa delle pietanze, come appunto il paté che dà il nome al titolo, può cambiare sapore e diventare un vero pasticcio, anzi un “pasticciaccio”. Alla padrona di casa non resta quindi altro che dare sfogo a rabbie e frustrazioni per troppi anni represse. Ma ormai tutto è pronto, ci si può, anzi ci si deve mettere a tavola.

DOVE , COME E A QUANTO

Dal 12 al 29 marzo al Teatro Manzoni di Milano
Orari: feriali ore 20,45 – domenica ore 15,30
Biglietti:  poltronissima € 45,00  – poltrona € 40,00 –  giovani fino a 26 anni € 22,00

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Releated

2 profumi per … giugno

Niente lo emozionava come il profumo del tiglio in fiore, come quel torpore soave che risaliva alle narici dalle lontane, perdute ore dell’infanzia. Franco Marcoaldi, da La trappola, Einaudi, 2012 Come non essere d’accordo con l’affermazione che giugno è il mese del re tiglio? Quel profumo dolce e soave ci fa immediatamente pensare alla primavera […]

2 profumi per maggio

“Ben venga Maggio e il gonfalone amico, ben venga primavera Il nuovo amore getti via l’antico nell’ombra della sera Ben venga Maggio, ben venga la rosa, che dei poeti è il fiore Mentre la canto con la mia chitarra, brindo a Cenne e a Folgore” Così scrive Francesco Guccini nella Canzone dei Dodici Mesi.  Quando […]