Carola Costella propone un quadro su una borsa

image_pdfimage_print

Grazie alle creazioni di Carola Costella è possibile avere un quadro a portata di mano. O meglio un dipinto unico sulla propria borsa.

La nuova limited edition comprende non solo borse come pochette, bauletti, tracolle e cartelle unisex, ma anche bracciali donna, cinture uomo-donna e porta iPad, tutto rigorosamente dipinto a mano e in pelle pregiata.La caratteristica assolutamente unica di questa artista è quella di utilizzare la tela da lei dipinta e applicarla poi sui suoi modelli. Un vero e proprio “quadro a portata di mano”.

Artigianalità e Made in Italy sono gli elementi fondamentali che accompagnano l’intera produzione di Carola Costella che in questa nuova collezione estende la sua ricerca artistica anche all’utilizzo dei metalli che vanno ad impreziosire le singole creazioni con borchie e chiusure che richiamano l’iniziale dell’artista: “C”. Ogni pezzo è unico e quindi non riproducibile.

L’arte che Carola racconta, immobile nei suoi quadri, prende vita nelle altre sue creazioni, capaci così di narrare una storia, un’emozione, un ricordo di questa artista.

La speciale edizione limitata “Un quadro a portata di mano 2015”, è in vendita on-line sul sito www.carolacostella.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Releated

I profumi che hanno fatto la storia: Eau d’Hermès

di Claudia Marchini Nella puntata dedicata agli anni ’20 abbiamo parlato della ventata di energia, di ottimismo, della voglia di felicità e allegria che si percepiva dopo gli anni bui della guerra. E così furono gli anni’ 50: più che mai si sente la voglia di cambiamento, anche favorito dal benessere della ricostruzione. Con la […]

I profumi che hanno fatto la storia: il dopoguerra

di Claudia Marchini Nella scorsa puntata abbiamo parlato di Joy, la fragranza creata da Jean Patou nel 1929 come antidoto all’atmosfera di preoccupazione che si era creata a causa della crisi economica. La prima fragranza di cui parliamo oggi vide la luce nel 1946 per celebrare la fine della seconda guerra mondiale: si tratta di […]