Con Discoteque Machine balla l’intero teatro

image_pdfimage_print

DISCOTEQUE MACHINE, lo show in scena al Teatro Nuovo di Milano (27-29 luglio) che unisce comicità e danza, improvvisazione e coinvolgimento del pubblico. L’effetto è travolgente. Un intero teatro si scatena al ritmo di vecchi e nuovi successi da club. Protagonista dello show è infatti da un lato una playlist che allegramente passa dalla classica all’hip hop, dal funky all’elettronica, ma soprattutto il pubblico che ogni sera affolla il palcoscenico e dà vita ad uno spettacolo diverso ogni volta. DISCOTEQUE MACHINE vuole essere una chiave di accesso libera e gioiosa alla danza. Un invito privo di giudizio dove spettatore e attore creano sinergicamente lo spettacolo. Stupisce la capacità degli attori-ballerini in scena di coinvolgere il pubblico, facendo emergere talenti e sicuramente portando una ventata di aria fresca sul palco. Un’idea nuova, frizzante ed estiva come si convivente in questo luglio assolato, e che garantisce un’ora di puro divertimento…anche a chi sceglierà di rimanere seduto.

Protagonisti dello show sono i Morphs, creature comiche che indossano tute colorate (Morphsuits). Con loro sul palco, il pubblico: piccoli gruppi di sei persone verranno chiamati per “scendere in pista” e ballare all’interno di postazioni fluorescenti disegnate a terra. È proprio sulla danza dei “ballerini improvvisati” che i Morphs costruiranno uno show ricco di gag comiche e surreali. La regola è una sola: non smettere mai di ballare.

DISCOTEQUE MACHINE è uno spettacolo di Gianmarco Pozzoli & Alice Mangione con Alessio Gaudino, David Labanca, Daniele Redavid, Gianmarco Pozzoli, Janer Veranes Peros. Le coreografie sono firmate da Roberto Carrozzino e Martina Nadalini

Discoteque Machine dopo ill Teatro Nuovo di Milano il 27 luglio (fino al 29 luglio) per poi trasferirsi ad Edimburgo, al prestigioso FRINGE FESTIVAL, dove sarà in scena dal 7 al 31 agosto presso lo ZOO SOUTHSIDE – Venue 82. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Releated

I profumi che hanno fatto la storia: Eau d’Hermès

di Claudia Marchini Nella puntata dedicata agli anni ’20 abbiamo parlato della ventata di energia, di ottimismo, della voglia di felicità e allegria che si percepiva dopo gli anni bui della guerra. E così furono gli anni’ 50: più che mai si sente la voglia di cambiamento, anche favorito dal benessere della ricostruzione. Con la […]

I profumi che hanno fatto la storia: il dopoguerra

di Claudia Marchini Nella scorsa puntata abbiamo parlato di Joy, la fragranza creata da Jean Patou nel 1929 come antidoto all’atmosfera di preoccupazione che si era creata a causa della crisi economica. La prima fragranza di cui parliamo oggi vide la luce nel 1946 per celebrare la fine della seconda guerra mondiale: si tratta di […]