Fa’ La Cosa Giusta 2014, torna a Milano la fiera del consumo consapevole

image_pdfimage_print

fa la cosa giusta_0_0Dopo il successo dell’edizione del 2013, torna Fa’ La Cosa Giusta, la fiera italiana del consumo critico e degli stili di vita sostenibili. L’appuntamento è dal 28 al 30 marzo a Milano, nella riconfermata location di Fieramilanocity.

Lo scorso anno sono state ben 72.000 le presenze per uno degli eventi ambientali più interessanti dello Stivale. E per questa edizione si mira a numeri ancora più grandi, con un focus sulle ultime tecnologie di autoproduzione e la riscoperta delle best practice del passato. Una kermesse della sostenibilità che può contare alle sue spalle ben 11 edizioni, un punto di riferimento nazionale per il grande pubblico, i gruppi d’acquisto, gli addetti ai lavori, le imprese e le scuole, con percorsi formativi pensati anche per i più piccoli.

Sono 11 le sezioni tematiche che caratterizzeranno l’evento targato 2014, dall’alimentazione biologicaalla moda etica, dalla mobilità elettrica alle tecnologia per la sostenibilità ambientale, dalla cosmesi ai prodotti della tradizione. All’ormai consueto spazio dedicato agli artigiani dell’autoproduzione verrà affiancata l’area “Green Makers”, degli ambienti d’incontro per designer, inventori, professionisti e imprenditori per provare macchine all’avanguardia nel rispetto dell’ambiente e della riduzione dei consumi. Spazio anche ai software open-source, alle pratiche a basso impatto ambientale e ai prodotti e servizi ecologici pensati per facilitare la vita di tutti i giorni.

Non mancherà nemmeno il divertimento e un pizzico di gola, grazie alla “Locanda di Fa’ La Cosa Giusta”. Non solo cucina e degustazione di piatti della tradizione popolare, preparati grazie a ingredienti green economici e semplici, ma anche mostre, lezioni, laboratori, incontri e giochi. E per i più intraprendenti via libera all’apprendimento e al fai-da-te: saranno molti i workshop – sia per adulti che per bambini – che insegneranno a creare cosmetici, vestiti, accessori e tanti altri oggetti utili, approfittando del recupero e del riciclo creativo.

(fonte: greenstyle.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Releated

I profumi che hanno fatto la storia: Eau d’Hermès

di Claudia Marchini Nella puntata dedicata agli anni ’20 abbiamo parlato della ventata di energia, di ottimismo, della voglia di felicità e allegria che si percepiva dopo gli anni bui della guerra. E così furono gli anni’ 50: più che mai si sente la voglia di cambiamento, anche favorito dal benessere della ricostruzione. Con la […]

I profumi che hanno fatto la storia: il dopoguerra

di Claudia Marchini Nella scorsa puntata abbiamo parlato di Joy, la fragranza creata da Jean Patou nel 1929 come antidoto all’atmosfera di preoccupazione che si era creata a causa della crisi economica. La prima fragranza di cui parliamo oggi vide la luce nel 1946 per celebrare la fine della seconda guerra mondiale: si tratta di […]