LA CA’ GRANDA è DEI MILANESI

image_pdfimage_print
Martedì 4 novembre 2014 In occasione del 90° l’Università apre al pubblico l’antico Ospedale

Ore 9.30 Accoglienza e apertura dei lavori
Ore 10.00 “La Statale e la ricerca” Chiara Tonelli, Prorettore alla Ricerca dell’Università degli Studi di Milano Ore 10.15 “Tesori da riscoprire” Presentazione dell’attività della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Università degli Studi di Milano, con esposizione di reperti architettonici inediti della Ca’ Granda, risalenti ai cantieri filaretiano (metà del sec. XV), richiniano (metà del sec. XVII) e ottocentesco
Ore 10.30 “Il Cortile del Richini, un monumento da conservare” Presentazione del volume (Skira) a cura di Graziella Buccellati e Benedetta Manetti, alla presenza dei direttori scientifici Antonello Negri e Pasquale Tucci
Ore 11.00 La Ca’ Granda è dei Milanesi. 90 anni di Università in sei secoli di storia Saluto delle Autorità Giancarlo Cesana, Presidente della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico Gianluca Vago, Rettore dell’Università degli Studi di Milano
Ore 11.45 Visita guidata all’itinerario storico della Ca’ Granda Francesca Vaglienti, Università degli Studi di Milano, responsabile del progetto di valorizzazione
Undici paline espositive permanenti in doppia lingua (italiano/inglese), collocate a creare l’itinerario di visita al complesso monumentale della Ca’ Granda (Cortile d’Onore del Seicento, Cortile delle Balie, Cortile della Ghiacciaia, Cortile della Legnaia, Cortile della Farmacia, Cortile dei Bagni, Porticato di Giurisprudenza, Sala Crociera; cripta della chiesa della SS. Annunciata) consentiranno alla cittadinanza e al largo pubblico di riscoprire il valore storico e identitario dell’antico Ospedale Maggiore. Per l’occasione, sarà distribuita una guida, in italiano o in inglese, che illustra il percorso di visita, accompagnandolo a una serie di approfondimenti tematici.

Università degli Studi di Milano AULA MAGNA Via Festa del Perdono 7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Releated

I profumi che hanno fatto la storia: Eau d’Hermès

di Claudia Marchini Nella puntata dedicata agli anni ’20 abbiamo parlato della ventata di energia, di ottimismo, della voglia di felicità e allegria che si percepiva dopo gli anni bui della guerra. E così furono gli anni’ 50: più che mai si sente la voglia di cambiamento, anche favorito dal benessere della ricostruzione. Con la […]

I profumi che hanno fatto la storia: il dopoguerra

di Claudia Marchini Nella scorsa puntata abbiamo parlato di Joy, la fragranza creata da Jean Patou nel 1929 come antidoto all’atmosfera di preoccupazione che si era creata a causa della crisi economica. La prima fragranza di cui parliamo oggi vide la luce nel 1946 per celebrare la fine della seconda guerra mondiale: si tratta di […]