Partenza con il botto per auto e moto d’epoca 2014

image_pdfimage_print

autoepocaUn trionfo per la prima giornata del Salone padovano: più 30% di visitatori il primo giorno, moltissimi dall’estero. Con anche tante auto già vendute. Appuntamenti, anniversari, gioielli d’epoca e auto futuristiche. “Qui si incontra il mondo che ama l’automobile. Non potevamo sperare in un inizio migliore” dice l’organizzatore Mario Carlo Baccaglini.

 

Padova, 23 ottobre 2014 –  Trionfo per la prima giornata di Auto e Moto d’Epoca alla Fiera di Padova. I visitatori hanno segnato un più trenta per cento rispetto all’esordio del 2013, quando il Salone Padovano registrò il record di 74mila visitatori complessivi.

 

“Non si poteva sperare in un inizio migliore– dice l’organizzatore Mario Carlo Baccaglino – tantissimi gli appassionati e cultori dell’auto. I rappresentanti delle Case sono entusiasti. Ad Auto e Moto d’Epoca non vengono solo gli addetti ai lavori e giornalisti, ma tantissime persone ‘reali’. Ci siamo rivolti a coloro che amano l’automobile e hanno risposto. E’ questa la prova che i Motor Show devono partire dalle emozioni.  Le auto sono uniche proprio per i sentimenti che suscitano: racchiudono un  intero universo di storia, passione e cultura. Questo mondo si incontra ogni anno alla Fiera di Padova per condividere tutta la sua bellezza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Releated

I profumi che hanno fatto la storia: Eau d’Hermès

di Claudia Marchini Nella puntata dedicata agli anni ’20 abbiamo parlato della ventata di energia, di ottimismo, della voglia di felicità e allegria che si percepiva dopo gli anni bui della guerra. E così furono gli anni’ 50: più che mai si sente la voglia di cambiamento, anche favorito dal benessere della ricostruzione. Con la […]

I profumi che hanno fatto la storia: il dopoguerra

di Claudia Marchini Nella scorsa puntata abbiamo parlato di Joy, la fragranza creata da Jean Patou nel 1929 come antidoto all’atmosfera di preoccupazione che si era creata a causa della crisi economica. La prima fragranza di cui parliamo oggi vide la luce nel 1946 per celebrare la fine della seconda guerra mondiale: si tratta di […]